Ultima modifica: 13 Febbraio 2020
IC Primo Milazzo > Dicono di noi > Gli alunni incontrano Don Luigi Ciotti al teatro Trifiletti

Gli alunni incontrano Don Luigi Ciotti al teatro Trifiletti

Gli alunni incontrano  Don Luigi Ciotti al teatro Trifiletti

In occasione dei cento passi verso il 21 marzo 2020 (XXV Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie),  una rappresentanza di 10 alunni delle classi seconde della secondaria Garibaldi, composta da: Alice Mancuso , Riccardo La Rosa II A, Irrera Emanuela  Impalà Leonardo II B , Giorgianni Martina  Cambria Maisano, Francesco II C, Foti Marco  Christian Valenti II D, Caravello Giovanni e Saia Coline II E, ha partecipato all’incontro del 12 febbraio con Don Luigi Ciotti al Teatro Trifiletti   I ragazzi si sono documentati sulla vita di Don Luigi Ciotti, sulle attività dell’associazione Libera e del gruppo Abele ed hanno rivolto  delle domande interessanti che Don Ciotti ha molto apprezzato.  

Forte, diretto e coinvolgente , così potremmo definire  l’incontro con  don Luigi Ciotti. che ha guidato gli alunni  lungo un percorso di riflessione sui temi della legalità e della lotta alle mafie per  sensibilizzarli  al valore della legalità. Particolarmente toccanti, in un teatro traboccante di ragazzi provenienti da scuole di tutta la provincia di Messina, i flashback di Don Ciotti sulla sua adolescenza ed il ricordo della madre e di  un medico che gli ha cambiato la vita e lo ha “condizionato “ nelle lodevoli e coraggiose  scelte future. Il cuore del messaggio donato da don Luigi agli studenti, è stato incentrato sul concetto di “noi” alternativo a quello di “io” . “ Da soli – ha affermato- non si va da nessuna parte, noi non dobbiamo essere navigatori solitari e dobbiamo diffidare da coloro che pensano di saper e poter fare tutto da soli, ognuno ha bisogno dell’altro, l’associazione Libera ne è un esempio perché è l’Associazione di tante associazioni”. Particolarmente significativa è stata la riflessione di don Ciotti sul significato del concetto di legalità, da intendere non come un idolo o un fine, ma come uno strumento per difendere la giustizia e la dignità di ogni persona. Tutti, : gli emarginati, i poveri, i detenuti  devono avere una seconda possibilità. La legalità, secondo il fondatore di Libera, si salda con parole altrettanto forti come quelle di responsabilità, di rispetto, di collaborazione e di conoscenza, a partire dalla conoscenza della nostra Costituzione che già da sola  è il testo fondamentale contro l’ingiustizia.