Ultima modifica: 8 Febbraio 2019
IC Primo Milazzo > News > I mandala ed il loro potere “meditativo e riappacificatore”: le terze B e C della Piaggia sperimentano un nuovo percorso artistico

I mandala ed il loro potere “meditativo e riappacificatore”: le terze B e C della Piaggia sperimentano un nuovo percorso artistico

Si sente parlare sempre più spesso dei Mandala. Ma cosa sono? La parola mandala viene dal sanscrito e significa cerchio, ciclo.

Sono figure molto antiche che compaiono per la prima volta nei Veda, gli antichi libri della religione indù. I mistici se ne servivano nei loro momenti di riflessione e solitudine.

 Con la parola mandala si intende la totalità, l’essenza (manda) e “colui che possiede l’essenza” (-la). Se ci si riferisce a un cerchio, il mandala è una rappresentazione essenziale e geometrica dell’universo.

Secondo le religioni buddista e induista, questa figura concentrica è in grado di trasmettere calma e serenità a chi la disegna.

Gli alunni delle classi III B-C della primaria Piaggia lo hanno sperimentato, realizzando cartelloni dopo aver effettuato un percorso sulle caratteristiche dei colori nelle ore di educazione all’immagine.

Hanno colorato dei mandala con i colori caldi, freddi, primari e secondari, creando personali effetti speciali di colore, coadiuvati dalle insegnanti Margherita Maggio, Mariella Salvo e Antonella La Malfa.

Le insegnanti hanno spiegato agli alunni che il mandala è un simbolo spirituale e rituale che rappresenta l’universo e che oltre a essere una forma d’arte, è usato dalle suddette religioni (anche quella tibetana) per focalizzare l’attenzione, ed aiutare la meditazione e la concentrazione fin da piccoli.

IMG_2933
IMG_2931
IMG_2932
Loading image... Loading image... Loading image...