Ultima modifica: 4 Febbraio 2019
IC Primo Milazzo > News > “Red Hand Day”, mani in rosso nelle classi terze per ricordare il dramma dei bambini soldato

“Red Hand Day”, mani in rosso nelle classi terze per ricordare il dramma dei bambini soldato

Colorarsi una mano di rosso significa affermare la propria contrarietà all’utilizzo di bambini, bambine e adolescenti come soldati.

Ecco perché la Coalizione Internazionale “Stop all’Uso dei Bambini Soldato!” ha istituito per il 12 febbraio 2010 il “Red Hand Day”, la Giornata della Mano Rossa.

La data coincide con l’entrata in vigore del Protocollo Opzionale alla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (Optional Protocol on Children in Armed Conflict – OPAC), già approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 25 maggio del 2000.

Anche gli alunni delle classi terze della secondaria di primo grado assieme alle docenti di lingua inglese e francese hanno voluto dare il loro contributo e scrivere frasi sui bambini soldato che, assieme alle loro mani tinte di rosso improntate su dei fogli, verranno spedite all’Onu.

Hanno voluto ribadire il loro NO all’utilizzo di oltre 250.000 minori che attualmente prendono parte ai combattimenti in 35 Paesi.

Hanno voluto dire NO all’abbassamento dell’età media dei soggetti utilizzati, la maggioranza ha dai 15 ai 18 anni, ma alcuni hanno anche soltanto 10 anni e si registra una tendenza sempre più evidente verso un ulteriore abbassamento dell’età media.

Hanno voluto dire NO alla povertà dilagante in Afghanistan, Burundi, Ciad, Colombia, Costa d’Avorio, Iraq, Liberia, Myanmar, Nepal, Filippine, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sri Lanka, Sudan e Uganda, Paesi da cui proviene il  numero più elevato di bambini e bambine-soldato.

Sensibilizzati dagli insegnanti al dramma di coetanei, si sono uniti al coro internazionale di proteste per una delle tante vergogne dell’umanità ed hanno voluto anche loro ribadire: “Stop all’Uso dei Bambini Soldato!”

Le stanze dell’Onu saranno tappezzate dalle frasi dei nostri alunni che inviate al segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, si uniranno a quelle provenienti da tutto il mondo.

IMG-20190203-WA0004
IMG-20190203-WA0003
IMG-20190203-WA0006
IMG-20190203-WA0005
IMG-20190203-WA0007
IMG-20190203-WA0009
IMG-20190203-WA0018
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...